Anfiteatro Romano di Nora

 

L'Anfiteatro Romano di Nora è situato al centro dell'area archeologica di cui vi abbiamo fatto cenno nella pagina della Città sommersa di Nora. E' stato possibile risalire alla data di costruzione di questo Teatro per via di due importanti riferimenti, uno dei quali ancora visibile all'interno del recinto, poiché si tratta di una "giara" iu cui è ancora leggibile il marchio del fabbricante, un Teatro Romano di Noraliberto dell'imperatore Diocleziano, che visse anch'egli nel II secolo d.C.

Il primo e più importante reperto è invece una moneta con l'effigie dell'imperatore Adriano, coniata anch'essa nel II secolo d.C., ritrovata nella muratura dell'edificio. Di particolare interesse storico è anche la parte retrostante il Teatro, in cui è presente una fornace utilizzata allora per fondere vetro o metalli, risalente anch'essa all'epoca romana. Poco più su in una piccola altura dalla quale si vede tutta la città, è situato il tempio di Tanit, dea di origine fenicio-punica, una delle varie manifestazioni del dio Baal regolarmente rappresentata con un triangolo sormontato da una sfera.

Si consideri che presso il Tempio è stata ritrovata una piccola piramide in pietra, si è ipotizzato pertanto che essa facesse parte dell'effigie della dea e che il tempio fosse dedicato a lei. Il Tempio di Tanit è costruito in pietra ed è appoggiato ad una parete rocciosa, i blocchi di pietra sono stati molto probabilmente sottratti ad un nuraghe situato nelle vicinanze. In tempi più recenti e nei giorni nostri, in questo Teatro si sono svolte e si svolgono manifestazioni culturali e teatrali di grande richiamo, il pubblico rimane pertanto totalmente affascinato dalla suggestiva bellezza di questo luogo che con le luci della sera e della notte è capace di offrire uno spettacolo realmente emozionante.

 

Anfiteatro romano di Nora